Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

02/07/2018

Acido alfa-lipoico e omega-3 nel trattamento della vulvodinia associata a sindrome della vescica dolorosa: uno studio randomizzato e controllato


Murina F. Graziottin A. Felice R. Gambini D.
Acido alfa-lipoico e omega-3 nel trattamento della vulvodinia associata a sindrome della vescica dolorosa: uno studio randomizzato e controllato
Graziottin A. Murina F. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Il dolore vulvare dall'A alla Z: dall'infanzia alla post-menopausa", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 7 aprile 2017, p. 135-139


L’amitriptilina è efficace nel trattamento del dolore associato a vulvodinia e sindrome della vescica dolorosa. Tuttavia, la scarsa tollerabilità del trattamento spesso non consente di raggiungere dosaggi elevati e quindi ottenere risultati ottimali.
Il trattamento con una associazione di acido alfa lipoico e omega-3 ha determinato un significativo aumento dell’efficacia sul dolore, rispetto alla sola amitriptilina, oltre a un effetto importante sulla dispareunia e sull’ipertono del pavimento pelvico, dimostrando che il trattamento multimodale è la strategia ottimale nelle sindromi caratterizzate da dolore cronico.

top

Parole chiave:
Acido alfa-lipoico (ALA) - Amitriptilina - Dolore vulvare - Vulvodinia - Omega-3 - Sindrome della vescica dolorosa

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici