Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Video Stream

Condividi su
Stampa

29/07/2014

Endometriosi – Parte 4: come si diagnostica



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


Endometriosi – Parte 4: come si diagnostica

Sintesi del video e punti chiave

La prima mossa per diagnosticare correttamente un’endometriosi è “pensarci”: ossia ragionare sui sintomi riferiti dalla donna, senza banalizzarli, e concludere che quel dolore mestruale, quel dolore ovulatorio, quel dolore alla penetrazione profonda, quel dolore alla defecazione in fase mestruale non sono affatto normali, ma segnalano una possibile presenza di endometrio ectopico. Esistono poi diversi metodi per verificare il sospetto diagnostico, alcuni dei quali molto semplici da utilizzare.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- il primo e più economico strumento di diagnosi: il diario del dolore;
- gli altri possibili accertamenti che il medico può prescrivere: ecografia addominale, dosaggio del CA-125, risonanza magnetica nucleare, laparoscopia;
- perché l’endometriosi, a volte, non è riconoscibile con gli attuali mezzi di indagine;
- l’importanza, in questi casi, di non sottovalutare il dolore avvertito dalla donna e di trattarlo con le giuste terapie;
- come, curando precocemente il dolore, si vada anche a rallentare, e persino a bloccare, la progressione della malattia, restituendo alla donna una vita normale;
- come, al contrario, una diagnosi o una terapia tardive provochino un graduale aggravamento della malattia, rendendo necessarie cure più complesse e anche interventi chirurgici impegnativi.

Realizzazione tecnica di Teofilm

top

Parole chiave:
Diagnosi differenziale - Diario del dolore - Dischezia - Dismenorrea (dolore mestruale) - Dispareunia - Dolore ai rapporti - Dolore ovulatorio - Endometriosi

Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Video Stream