Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Video Stream

Condividi su
Stampa

30/08/2011

Diagnosi dei disturbi del comportamento alimentare: quali elementi deve indagare il ginecologo?



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


Diagnosi dei disturbi del comportamento alimentare: quali elementi deve indagare il ginecologo?

Sintesi del video e punti chiave

Un buon ginecologo ha molti strumenti per predire o diagnosticare un disturbo del comportamento alimentare: l’importante è che la donna senta di essere accolta e ascoltata come persona, nella sua dignità e integrità, e non semplicemente come “organo” ammalato. Solo in questo modo si può stabilire una relazione emotiva ottimale che la aiuterà poi a parlare anche degli aspetti più delicati e imbarazzanti del suo problema.
Come si articola l’anamnesi in questi casi? Quali sono i sintomi ginecologici più importanti al riguardo?
In questo video la professoressa Graziottin illustra:
- come le alterazioni del ciclo siano i sintomi ginecologici principe di un’anoressia o una bulimia;
- quali sono e in che cosa consistono le alterazioni più frequenti e significative: oligomenorrea, polimenorrea, amenorrea;
- perché è importante accertare anche eventuali disturbi intestinali, e in particolare stipsi e diarrea;
- le tre forme di stipsi, che il medico può diagnosticare sulla base dei sintomi riferiti dalla paziente;
- di quali problemi e/o abitudini può essere segnale la diarrea frequente;
- gli altri aspetti da affrontare nell’anamnesi: comportamenti alimentari e rapporto con il cibo; situazione affettiva e sessuale; valore ed eventuali variazioni del peso corporeo.

top

Parole chiave:
Amenorrea primaria e secondaria - Anoressia - Bulimia nervosa - Disturbi del comportamento alimentare - Disturbi mestruali e catameniali - Gastroenterologia - Ginecologia - Stipsi

Stampa

© 2011 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Video Stream