Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

15/11/2018

La cefalea aumenta il rischio di demenza? Uno studio cinese


Wang J, Xu W, Sun S, Yu S, Fan L.
Headache disorder and the risk of dementia: a systematic review and meta-analysis of cohort studies
J Headache Pain. 2018 Oct 11;19(1):95. doi: 10.1186/s10194-018-0925-4.


Valutare se la cefalea aumenti il rischio di demenza: è questo l’obiettivo dello studio coordinato da Jing Wang, ed espressione della Nankai University di Tianjin e del Chinese PLA General Hospital di Pechino.
Gli Autori hanno esplorato sistematicamente tutti i più importanti database elettronici, fra cui PubMed, Embase e Web of Science, alla ricerca di studi che investigassero le relazioni tra la cefalea e:
- la demenza di Alzheimer;
- le altre forme di demenza.
La ricerca ha permesso di individuare 6 studi, per un totale di 291.549 persone.
L’analisi dei dati ha dimostrato che la cefalea di qualsiasi tipo:
- non aumenta in modo statisticamente significativo il rischio di demenza di Alzheimer (RR = 1.47; 95% CI: 0.82-2.63; P = 0.192);
- aumenta del 24% il rischio delle altre forme di demenza (RR = 1.24; 95% CI: 1.09-1.41; P = 0.001).
Ulteriori studi sono ora necessari per confermare queste indicazioni.

top

Parole chiave:
Cefalea - Demenza / Demenza di Alzheimer

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico