EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Emicrania e parkinsonismo: lo studio AGES-Reykjavik

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
27/09/2018

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Scher AI, Ross GW, Sigurdsson S, Garcia M, Gudmundsson LS, Sveinbjörnsdóttir S, Wagner AK, Gudnason V, Launer LJ.
Midlife migraine and late-life parkinsonism: AGES-Reykjavik study
Neurology. 2014 Sep 30; 83 (14): 1246-52. doi: 10.1212/WNL.0000000000000840. Epub 2014 Sep 17
Valutare se chi soffre di emicrania nella mezza età sia maggiormente predisposto, nella vecchiaia, al parkinsonismo e alla sindrome delle gambe senza riposo, nota anche come sindrome di Willis-Ekbom: è questo l’obiettivo dello studio coordinato da A.I. Scher, del Dipartimento di Medicina preventiva e Biometrica della Uniformed Services University of the Health Sciences di Bethesda, Maryland (USA).
La coorte AGES-Reykjavik [Age, Gene/Environment Susceptibility (AGES) Reykjavik Study], composta da persone nate fra il 1907 e il 1935, è stata seguita a partire dal 1967. I vari tipi di cefalea sono stati classificati in funzione dei sintomi rilevati nella mezza età. Dal 2002 al 2006, 5.764 partecipanti sono stati riesaminati per verificare la presenza di sintomi di parkinsonismo, del morbo di Parkinson conclamato, di una familiarità con il parkinsonismo e della sindrome delle gambe senza riposo.
Questi, in sintesi, i risultati:
- le persone che nella mezzza età erano soggette a emicrania, e in particolare a emicrania con aura, erano nella vecchiaia più soggette a sintomi di parkinsonismo (OR = 3.6 [95% CI 2.7-4.8]) e al morbo di Parkinson conclamato (OR = 2.5 [95% CI 1.2-5.2]);
- le donne soggette a emicrania con aura avevano una maggiore probabilità di avere un genitore (OR = 2.26 [95% CI 1.3-4.0]) o un fratello/sorella (OR = 1.78 [95% CI 1.1-2.9]) con il morbo di Parkinson;
- la sindrome delle gambe senza riposo aumenta con la cefalea in generale: l’associazione è indipendente dalla presenza di malattie cardiovascolari e di lesioni ischemiche.
Saranno ora necessari ulteriori studi per approfondire la predicibilità e le radici fisiopatologiche di queste comorbilità.
Sullo stesso argomento per professionisti
Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter