Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

23/03/2017

Endometriosi: la formazione dei medici alla gestione dell'impatto psicosociale


Young K, Fisher J, Kirkman M.
Clinicians' perceptions of women's experiences of endometriosis and of psychosocial care for endometriosis
Aust N Z J Obstet Gynaecol. 2017 Feb; 57(1): 87-92. doi: 10.1111/ajo.12571


Valutare la percezione che i medici hanno dell’endometriosi, del suo impatto sulla qualità della vita e dell’opportunità di fornire un adeguato supporto psicosociale alle donne che ne sono colpite. E’ questo l’obiettivo dello studio condotto da K. Young e collaboratori, della School of Public Health and Preventive Medicine di Melbourne, Australia, per conto del Royal Australian and New Zealand College of Obstetricians and Gynaecologists.
La ricerca è stata condotta somministrando un’intervista semistrutturata a 8 ginecologi e 4 medici di famiglia, così suddivisi:
- medici di famiglia: tutte donne, due provenienti dall’area urbana di Melbourne e due da altre zone dello stato di Victoria, con un’anzianità di servizio compresa fra 11 e 29 anni;;
- ginecologi: 4 uomini e 4 donne, tutti provenienti dall’area urbana di Melbourne, con un’anzianità di servizio compresa fra 6 e 43 anni.
Questi i risultati dell’indagine:
- la percezione che i clinici hanno dell’esperienza di malattia è coerente con i sintomi riportati dalle donne, soprattutto in relazione al rischio di infertilità;
- tuttavia, i medici hanno una visione meno completa e profonda dei problemi sociali e lavorativi che l’endometriosi comporta, così come del suo impatto sulla relazione di coppia;
- alcuni fra i medici intervistati ritengono che l’endometriosi sia provocata da una salute mentale instabile;
- il supporto psicosociale di maggiore qualità è fornito dai medici di famiglia, mentre i ginecologi raramente si propongono come validi interlocutori in questo ambito;
- la maggior parte dei medici intervistati ritiene di non essere adeguatamente formata nella gestione degli aspetti psicosociali dell’endometriosi, e metà dei ginecologi ritengono che questo, in realtà, non sia necessario.
I risultati della ricerca, nonostante sia stata condotta su piccoli numeri, dimostrano che i medici, e soprattutto i ginecologi, devono essere maggiormente formati sull’impatto psicosociale dell’endometriosi, e sulle necessità di supporto che derivano. Tale formazione potrebbe essere fornita attraverso la stesura di linee guida e la proposta di occasioni pratiche di sviluppo professionale.

top

Parole chiave:
Endometriosi - Formazione medica - Rapporto medico-paziente

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico