Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

23/11/2009

Uso del testosterone nella donna


Graziottin A. Serafini A.
Uso del testosterone nella donna
Aggiornamento medico, 32, 6, 2008


Il testosterone è un ormone alleato della salute della donna, anche ma non solo sul fronte sessuale. Attiva la componente biologica del desiderio, l’eccitazione mentale e genitale, l’orgasmo e la soddisfazione fisica. È massimo a vent’anni e si riduce drasticamente con l’età.
La menopausa chirurgica priva la donna di più del 50% del testosterone totale, causando perdita della componente biologica essenziale del desiderio. La menopausa chirurgica è la principale causa biologica del disturbo da desiderio sessuale ipoattivo, associato spesso a secchezza vaginale, per la mancata eccitazione, e quindi anche a dolore ai rapporti sessuali, specie all’inizio della penetrazione, con dispareunia e maggor rischio di cistiti 24-72 ore dopo il rapporto (cistiti post-coitali).
È possibile ripristinare i livelli fisiologici del testosterone, grazie al cerotto che ne rilascia 300 µg/die.

Per gentile concessione di Editrice Kurtis.

top

Parole chiave:
Cerotto al testosterone - Desiderio sessuale ipoattivo - Dispareunia femminile - Disturbi sessuali con dolore - Disturbi sessuali femminili - Dolore muscolare - Menopausa precoce iatrogena - Ovariectomia - Rapporto medico-paziente - Sessuologia medica - Terapia ormonale sostitutiva - Testosterone

Stampa

© 2009 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici