EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Semiologia del dolore vulvare e diagnosi clinica nelle comorbilità dermatologiche

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
18/12/2017
Murina F.
Semiologia del dolore vulvare e diagnosi clinica nelle comorbilità dermatologiche
Graziottin A. Murina F. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Il dolore vulvare dall'A alla Z: dall'infanzia alla post-menopausa", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 7 aprile 2017, p. 51-55
I disturbi vulvari sono tra le più frequenti cause di richiesta di visita ginecologica. I sintomi associati al discomfort vulvare includono bruciore, prurito, dispareunia, con segni di possibili modificazioni cutaneo-mucose.
Le lesioni dermatologiche più frequenti includono il lichen sclerosus, il lichen planus e il lichen simplex cronico. Hanno una genesi autoimmune. Fattori genetici aumentano la probabilità di sviluppare la malattia.
L’esame obiettivo accurato resta lo strumento principe per la diagnosi, che viene integrata con ulteriori esami, quali vulvoscopia e biopsia mirata, quando indicato.
Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter