Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

07/07/2014

Semeiotica ginecologica prima della gravidanza, con focus sul pavimento pelvico


Alessandra Graziottin
Semeiotica ginecologica prima della gravidanza, con focus sul pavimento pelvico
Atti del corso ECM su "Dolore in ostetricia, sessualità e disfunzioni del pavimento pelvico. Il ruolo del ginecologo nella prevenzione e nella cura", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 6 giugno 2014, p. 15-24


Prima della gravidanza, è importante riconoscere, diagnosticare e curare tutte le condizioni che causano e/o si associano a dolore coitale e/o pelvico e che riconoscono nell’ipertono del muscolo elevatore un denominatore comune essenziale.
La presenza di ipertono del muscolo elevatore aumenta infatti il rischio di distocie della fase espulsiva, di lacerazioni perineali severe e di parti operativi con esiti traumatici per la mamma e il bambino.
L’obiettivo deve essere quindi quello di rilassare i muscoli del pavimento pelvico già prima della gravidanza, oltre che durante, con fisioterapia, stretching, automassaggio, biofeedback di rilassamento, per aumentare la competenza della donna e la sua fiducia nel saper partorire bene.

top

Parole chiave:
Dispareunia femminile - Dolore pelvico cronico - Gravidanza - Infiammazione - Mastocita - Pavimento pelvico iperattivo - Rapporto medico-paziente - Semeiotica medica

Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici