Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Video Stream

Condividi su
Stampa

17/07/2012

Neurobiologia del desiderio - Parte 2



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


Ripresa video di:
Graziottin A.
Problematiche femminili: dolore pelvico cronico, dispareunia, cistiti ricorrenti e comorbilità associate
Corso ECM su "Problematiche della sfera genitale femminile e maschile nell'ambulatorio del medico di famiglia", organizzato dalla ASL Mi2, Carugate (MI), 15 ottobre 2011


Neurobiologia del desiderio - Parte 2

Sintesi del video e punti chiave

Nella donna il desiderio può precedere, accompagnare o seguire l’eccitazione: ed entrambe le variabili hanno una solidissima base biologica a livello cerebrale, che può essere documentata con la diagnostica per immagini. Una delle conclusioni più significative di questo filone di studi è che la qualità delle esperienze precedenti, sedimentate nella memoria, sembra pesare di più sulla sessualità femminile che non su quella maschile, che appare maggiormente improntata da un’immediata e imperiosa carica a livello genitale. Una seconda fondamentale conclusione è che il lobo frontale, che in passato si credeva inattivo dal punto di vista sessuale, svolge invece una sofisticata funzione di controllo sull’appropriatezza sociale dei comportamenti erotici.
Quali sono le aree cerebrali coinvolte nell’accensione del desiderio e dell’eccitazione? Che cosa accade quando la donna ha l’orgasmo? E quali sono, complessivamente, i centri neuronali interessati dalla funzione sessuale femminile?
In questa seconda parte della relazione tenuta alla ASL Mi2 di Carugate (Milano) il 15 ottobre scorso, la professoressa Graziottin illustra:
- le aree del cervello attivate nelle fasi di desiderio ed eccitazione, e le specifiche funzioni che da esse vengono mediate: corteccia visiva, insula e cingolo anteriore, amigdala;
- come l’amigdala, in particolare, governi le quattro emozioni fondamentali che abbiamo in comune con gli animali (appetitiva, collera-rabbia, paura, panico con angoscia da separazione) e confronti lo stimolo erotico corrente con le esperienze sessuali precedenti;
- che cosa accade se l’evento in atto viene associato, nella memoria, a esperienze positive o negative;
- come l’orgasmo attivi pressoché tutte le aree cerebrali;
- che cosa implica, dal punto di vista terapeutico, il fatto che l’orgasmo possa essere scatenato non solo per via spinale, ma anche per via vagale;
- i centri neuronali coinvolti nel controllo della funzione sessuale: ipotalamo, corteccia sensoriale primaria, aree cenestesica e temporale, rinencefalo e corteccia limbica, lobo frontale.

Per gentile concessione di Doctor2+ (Class Tv MsNbc)

top

Parole chiave:
Cervello e sistema nervoso - Desiderio - Eccitazione - Orgasmo - Sessualità femminile - Sistema affettivo - Sistema cognitivo - Sistema neurovegetativo

Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Video Stream