Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

30/05/2014

Potersi affidare al proprio medico oggi è un privilegio


Le vostre lettere alla nostra redazione


Rapporto medico-paziente: tutti ne parlano. Trovare un medico umano, capace, professionale, che lavori con amore e lo trasmetta in ogni suo gesto, parola, sguardo, è l’esigenza di ogni paziente. Per tanti anni ho dovuto subire la frustrazione di non essere ascoltata dagli specialisti ai quali mi ero affidata: sostenevano che il mio dolore fosse solo legato allo stress e che, di conseguenza, sarebbe passato se mi fossi rilassata un po’.
A un certo punto, esausta e scoraggiata, ho letto un articolo scritto dalla professoressa Graziottin e ho deciso di prenotare una visita.
Lei era la mia ultima speranza e mi ha guidata verso la guarigione. Ho finalmente trovato un medico dotato di un brillante cervello e di un cuore, che ha compreso davvero il mio disagio interiore e il mio dolore fisico. Ancora ricordo la conclusione della prima visita: «Signora, se lei seguirà esattamente la terapia con disciplina, allora guarirà». E così è stato. Il migliore e più potente anti-stress per un malato è potersi fidare del proprio medico, soprattutto quando la malattia sembra grave.
Domitilla, Milano

top

Parole chiave:
Fiducia - Guarigione - Rapporto medico-paziente

Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico