Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

01/04/2011

Esaurimento ovarico precoce: come valutare la fertilità residua



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


Ho 40 anni e mi è stata diagnosticata una menopausa precoce, anche se dall’ecografia le ovaie e l’endometrio sembrano avere una minima attività. In queste condizioni ci possono essere ancora i presupposti, seppur minimi, di una gravidanza?
Cristina R.

top

Gentile signora Cristina, l’insufficienza ovarica prematura (POF, Premature Ovarian Failure) si manifesta nell’1% delle donne in età inferiore ai 40 anni. La diagnosi si basa su elevati livelli di ormone follicolo stimolante (FSH, di solito superiore a 40 mUI/ml) dosato due volte consecutive a distanza di un mese; il segnale clinico è invece dato dall’assenza di mestruazioni (amenorrea).
Le cause sono molteplici: vi è sicuramente una forte componente genetica, ma nella maggior parte dei casi si tratta di forme idiopatiche, ossia non note. Si riconoscono fattori iatrogeni (interventi chirurgici, chemioterapia, radioterapia) e autoimmuni, ma anche infezioni, alterazioni del cromosoma X, difetti monogenetici.
Ormai è noto da molti anni che il declino della funzione ovarica precede di qualche anno la comparsa e l’instaurarsi di un chiaro quadro menopausale: dalle indagini di laboratorio risulta infatti un progressivo aumento dei livelli di FSH (>15-20 mUI/ml) che, accompagnati a ridotti livelli di estradiolo, indicano una ridotta riserva ovarica.
La graduale evoluzione della POF è associata a occasionali ovulazioni: la fertilità non è definitivamente esclusa (sono state riportate gravidanze spontanee a distanza di due anni dalla diagnosi di menopausa precoce), ma rimane difficile. Per definire meglio la sua “finestra” di potenzialità riproduttiva, può rivolgersi a un centro di fecondazione assistita ed eseguire il dosaggio dell’inibina B e del fattore di inibizione mulleriano, che sono i marker più precoci di ridotta riserva ovarica. Inoltre, a parte il discorso della fertilità, sarebbe bene che lei intraprendesse una terapia ormonale sostitutiva per limitare, se non azzerare, le problematiche cliniche, metaboliche e d’organo legate alla menopausa: sintomi vasomotori (vampate), dolori articolari, depressione, dismetabolismo, atrofia genito-urinaria con conseguenti problemi sessuali, patologie vascolari.

top

Articoli correlati:

Aggiornamenti scientifici

19/10/2009 - Hormonal therapy after menopause

07/09/2009 - Premature ovarian failure: frequency and risk factors among women attending a network of Menopause Clinics in Italy

29/06/2009 - Premature menopause and sexual outcomes

22/06/2009 - Menopausal status, hormone replacement therapy use and risk of self-reported physician-diagnosed osteoarthritis in women attending menopause clinics in Italy

15/06/2009 - Effect of premature menopause on sexuality

04/05/2009 - Disfunzioni sessuali femminili in peri- postmenopausa

19/01/2009 - Premature menopause: the challenge of accelerated sexual aging

Audio stream

07/11/2009 - Menopausa precoce spontanea: quando muore il sogno della maternità

Testimonianze

01/11/2013 - Dopo la menopausa: come si può stare senza ormoni?

11/03/2011 - Dopo la menopausa precoce: dal dolore alla gioia di una nuova vita

25/02/2011 - Da caso clinico a storia di una donna: la mia storia

05/11/2010 - La vecchiaia può aspettare

07/05/2010 - Salvare gli ovociti: una scelta di serenità

Video Stream

17/03/2011 - Giovani e fumatrici: quando il conformismo danneggia la salute

23/09/2010 - Menopausa e terapia ormonale sostitutiva - Settima parte: Indicazioni terapeutiche: sintomi, segni, età, familiarità

Le vostre domande

17/09/2015 - Menopausa precoce spontanea: il possibile ruolo della celiachia

30/01/2015 - Infertilità di coppia: accertamenti e contromisure

10/10/2014 - Menopausa precoce spontanea: come ripristinare gli ormoni perduti

27/04/2012 - Sospetta menopausa precoce: accertamenti clinici e indicazioni terapeutiche

26/11/2010 - Disturbi del ciclo in fase climaterica: come contrastarli

Parole chiave:
Fattori predisponenti - Fertilità e infertilità - Ginecologia - Menopausa precoce/anticipata spontanea - Sintomi menopausali - Terapia ormonale sostitutiva

Stampa

© 2011 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico