EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Infertilità di coppia: accertamenti e contromisure

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
30/01/2015

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano

“Ho quasi 42 anni, e mio marito ne ha 43. Non riusciamo ad avere bambini perché mio marito ha pochi spermatozoi e solo il 7% di forma normale. Siamo contrari alla fecondazione artificiale, e quindi vi chiedo se ho speranza di rimanere incinta per vie naturali, con integratori, agopuntura, alimentazione, o farmaci non invasivi per migliorare la qualità degli spermatozoi. Attualmente lui sta prendendo lo Spergyn forte un integratore che potenzia il metabolismo degli spermatozoi, migliorandone la motilità. Io ho il ciclo regolare e nessun problema ginecologico... Grazie!”.
Gentile amica, le cause di infertilità di coppia sono svariate e riconoscono fattori femminili e maschili, molto spesso associati. Per quanto riguarda lei, le consigliamo di effettuare in terza o quarta giornata del ciclo i dosaggi ormonali comprensivi dei marcatori di riserva ovarica (ormone antimulleriano e inibina B), oltre a un’ecografia ginecologica transvaginale. La regolarità del ciclo non coincide con l’avvenuta la puntualità dell’ovulazione: il declino della fertilità femminile con l’avanzare dell’età, e dunque la possibilità di una menopausa anche precoce, dipendono dalla riduzione progressiva del numero e della qualità degli ovociti, il cui numero è fissato alla nascita.
Per suo marito, è indicata una visita andrologica per accertare la presenza di un varicocele: trattandolo adeguatamente si ottiene un miglioramento della qualità dello sperma. A tale scopo sono sicuramente utili integratori specifici. Va poi eseguita una spermiocoltura per accertare l’eventuale presenza di infezioni che ne riducano la qualità. In base al risultato di tali esami, e parlando con il suo ginecologo di fiducia, potrà decidere se intraprendere un percorso di stimolazione non necessariamente mirato a tecniche di procreazione assistita (ad esempio, tramite farmaci per l’induzione dell’ovulazione). Un cordiale saluto.

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter