Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

10/11/2014

Ruolo dei probiotici in gravidanza e puerperio


Franco Vicariotto
Ruolo dei probiotici per la salute dell’ecosistema vaginale in gravidanza e puerperio
Atti del corso ECM su "Dolore in ostetricia, sessualità e disfunzioni del pavimento pelvico. Il ruolo del ginecologo nella prevenzione e nella cura", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 6 giugno 2014, p. 63-65


Fino a pochi anni fa i probiotici erano gestiti e studiati da parte del gastroenterologo e del pediatra, ma negli ultimi anni il loro utilizzo in ginecologia (e più di recente in ostetricia) è in continuo aumento, sia nel campo degli integratori alimentari (per os) che dei medical device (topici).
E’ stato dimostrato che probiotici assunti per os arrivano in vagina e scatenano le loro attività di inibizione nei confronti dei patogeni utilizzando meccanismi diversi e ampiamente controllati. I probiotici di ultima generazione utilizzati come medical device topico hanno una vera e propria attività specifica antimicotica e antibatterica, penetrando anche nei biofilm patogeni, laddove gli antibiotici talvolta falliscono.

top

Parole chiave:
Gravidanza - Probiotici - Puerperio - Vaginite / Vaginite recidivante - Vaginosi batterica - Vulvovaginite

Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici