Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Video Stream

Condividi su
Stampa

17/11/2015

Neurobiologia del cervello – Parte 2



Professore Ordinario di Neuropsicofarmacologia associato all’Istituto di Neuroscienze del CNR, Cagliari


A cura di Minnie Luongo

Intervista rilasciata in occasione del Corso ECM su "Menopausa precoce: dal dolore alla salute", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 27 marzo 2015


Neurobiologia del cervello – Parte 2

Sintesi dell'intervista e punti chiave

La depressione è una patologia progressiva e ricorrente: anche nel caso in cui la persona venga curata in modo efficace, c’è sempre il rischio di una ricaduta. Questa insidiosa malattia può condizionare pesantemente la gravidanza e il post parto, con conseguenze anche serie per lo sviluppo del cervello del neonato.
Nella seconda parte di questa intervista il professor Giovanni Biggio, Ordinario di Neuropsicofarmacologia associato all’Istituto di Neuroscienze del CNR di Cagliari, illustra:
- come i più recenti studi di neurobiologia sperimentale e clinica dimostrino che i neuroni del soggetto depresso divengono progressivamente meno trofici, rendendo sempre più difficile reagire in modo corretto agli stimoli ambientali;
- perché la donna depressa, se inizia una gravidanza, non deve assolutamente interrompere la terapia farmacologica;
- perché la depressione in gravidanza rischia di influenzare negativamente lo sviluppo del cervello del bambino;
- come anche la mancanza di cure adeguate dopo la nascita possa condizionare il benessere fisico e mentale del neonato;
- le indicazioni delle tecniche di “brain imaging” sulla morfologia e la funzionalità del cervello nella donna sana e nella donna depressa.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV

top

Parole chiave:
Cervello e sistema nervoso - Depressione - Depressione post parto - Gravidanza - Rapporto mamma-bambino

Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Video Stream