Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

12/10/2015

Menopausa precoce e problematiche urologiche: ruolo degli estrogeni e del D-mannosio


Daniele Grassi, Pier Paolo Zanello, Alessandra Graziottin
Menopausa precoce e problematiche urologiche: ruolo degli estrogeni e del D-mannosio
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Menopausa precoce: dal dolore alla salute", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 27 marzo 2015, p. 77-83


Le infezioni uroginecologiche rappresentano un problema particolarmente rilevante nella donna in menopausa. La diminuzione degli estrogeni modifica il pH vaginale e il grado di trofismo vulvare, due marker di vulnerabilità che predispongono alle infezioni dell’apparato urinario.
Il medico attento valuterà nella singola paziente se e quando integrare la terapia estrogenica sostitutiva, almeno locale, con terapie naturali a base di destro mannosio, in armonia con un corretto stile di vita per ridurre gli aspetti negativi della menopausa precoce anche a livello urologico.

top

Parole chiave:
Biofilm patogeno - Cistite / Cistite recidivante - D-Mannosio - Infezioni ricorrenti del tratto urinario - Menopausa - Menopausa precoce spontanea - Sintomi del basso tratto urinario (LUTS) - Terapia ormonale sostitutiva - Urologia - Vaginite / Vaginite recidivante

Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici