EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Lacerazioni e altri danni da parto: strategie preventive - Parte 2

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin

Lacerazioni e altri danni da parto: strategie preventive - Parte 2

07/10/2014

Dott. Claudio Crescini
Direttore U.O. Ostetricia Ginecologia Ospedale di Treviglio (BG)
Segretario Regionale AOGOI Lombardia

A cura di Flavio Vitali
Intervista rilasciata in occasione del Corso ECM su “Dolore in ostetricia, sessualità e disfunzioni del pavimento pelvico. Il ruolo del ginecologo nella prevenzione e nella cura”, organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 6 giugno 2014

Sintesi del video e punti chiave

Questa settimana completiamo, in compagnia del dottor Claudio Crescini, l’analisi dei rischi che il parto comporta per il perineo e le strutture di sostegno dell’apparato genitale.
Che impatto ha l’analgesia epidurale sul corso del travaglio? Come ci si deve regolare quando una donna che abbia già subìto gravi lesioni perineali è al suo secondo parto?
In questo video, il dottor Crescini illustra:
- come secondo alcuni studi l’analgesia causi prolungati periodi espulsivi e quindi un maggior ricorso al parto operativo vaginale, che a sua volta innalza il rischio di lesioni al perineo;
- perché questo è vero solo se l’analgesia non viene condotta correttamente;
- come un’analgesia ben controllata nel mix e nella temporizzazione dei farmaci, ed eseguita senza fretta, non influisca se non in minima misura sulla fisiologia del travaglio;
- come la sala parto richieda, anche per questo motivo, un ambiente e un team interdisciplinare dedicati;
- perché in Italia queste condizioni sono ancora spesso disattese;
- come dopo un primo parto traumatico non sia necessariamente indicato il taglio cesareo, ma si debba decidere caso per caso, anche sulla base del personale vissuto della donna;
- che cosa è necessario fare e come va preparata la donna se si decide di procedere con un normale parto vaginale.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV
Sullo stesso argomento per professionisti

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter