Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

02/12/2019

Irregolarità mestruali: il ruolo della contraccezione dopo i 40 anni


Anna Maria Paoletti, Manuel Neri, Valerio Vallerino, Bruno Piras, Elena Giancane, Monica Pilloni, Gian Benedetto Melis
Irregolarità mestruali: il ruolo della contraccezione dopo i 40 anni
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "La donna dai 40 anni in poi: progetti di salute", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 24 maggio 2019, p. 77-81


Sin dal 1967 è stato riportato che, dopo i 37-40 anni di età, la ciclicità mestruale subisce importanti cambiamenti di frequenza, durata e quantità, con caratteristiche simili a quelle comunemente osservabili nel corso dell’adolescenza, ma con eziopatogenesi assolutamente diverse.
In questo contesto, la contraccezione ormonale (CO) antagonizza il disequilibrio tra secrezione di estrogeni e progesterone, impedendo la negativa situazione metabolica, a cui si aggiungono i ben noti benefici extra-contraccettivi della CO quali: prevenzione delle patologie estrogeno-dipendenti, prevenzione dell’osteoporosi, prevenzione del cancro ovarico.

top

Parole chiave:
Contraccezione ormonale - Drospirenone - Estradiolo - Mestruazioni/Disturbi mestruali - Terapia contraccettiva

Stampa

© 2019 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici