EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Fibromatosi uterina: la sintomatologia e i fondamenti della terapia

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin

Fibromatosi uterina: la sintomatologia e i fondamenti della terapia

02/11/2021

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Intervista rilasciata in occasione del corso ECM su "Menopausa e oltre, in salute: sfide e opportunità", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 16 settembre 2021

Sintesi del video e punti chiave

I fibromi uterini sono una patologia molto diffusa e accompagnata da una sintomatologia impegnativa, che incide negativamente su tutti gli ambiti della vita della donna. Il primo e fondamentale approccio di cura è la correzione degli stili di vita inadeguati. Oggi, inoltre, esiste una nuova ed efficace soluzione farmacologica che può rallentare la progressione del disturbo, rispettando al tempo stesso l’equilibrio ormonale dell’organismo.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- i sintomi principali della fibromatosi uterina: flussi emorragici, senso di peso al basso ventre, dolore ai rapporti, complicanze ostetriche, infertilità;
- tutte le conseguenze dell’anemia da carenza di ferro indotta dalle mestruazioni abbondanti;
- quali stili di vita aiutano a ritardare la comparsa della malattia o a rallentarne la progressione;
- perché il sovrappeso e lo stress aggravano la vulnerabilità ai fibromi;
- gli specifici benefici del movimento fisico aerobico quotidiano;
- i rimedi naturali: epigallocatechina gallato, vitamina D, D-chiro-inositolo;
- in quali casi si può ricorrere all’ulipristal acetato;
- l’importante novità farmacologica recentemente approvata in Europa, a base di relugolix, estradiolo e noretisterone acetato;
- come questa formulazione riduca il sanguinamento e i sintomi correlati, proteggendo al contempo la donna dai disturbi simil-menopausali reversibili solitamente provocati da questa categoria di farmaci (vampate e perdita di massa ossea, in primis).

Realizzazione tecnica di Monica Sansone
Sullo stesso argomento per professionisti

Aggiornamenti scientifici

Aggiornamenti scientifici

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter