Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

04/11/2019

Fattori di rischio emergenti e tradizionali per le malattie cardiovascolari: differenze di genere


Giovannella Baggio
Fattori di rischio emergenti e tradizionali per le malattie cardiovascolari: differenze di genere
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "La donna dai 40 anni in poi: progetti di salute", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 24 maggio 2019, p. 68-69


La mortalità per malattie cardiovascolari in Italia è prevalente nella donna rispetto all’uomo. Per la prevenzione primaria l’American Heart Association (AHA) ha stilato delle linee guida per le donne, non ancora “evidence-based” ma “effectiveness based”, pubblicate nel 2011, e un aggiornamento in forma di "scientific statement" nel 2016.
La cardiopatia ischemica è la prima causa di morte della donna nei Paesi industrializzati. L’ictus ha una prevalenza maggiore nella donna, maggiore mortalità e minore recupero funzionale. I fattori di rischio per malattie cardiovascolari hanno un impatto differente nei due generi. Oggi si suddividono in fattori di rischio emergenti e tradizionali.

top

Parole chiave:
Accidenti e malattie cardiovascolari - Cardiopatia ischemica - Fattori predisponenti - Ictus - Infarto del miocardio - Prevenzione primaria - Rischio cardiovascolare

Stampa

© 2019 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici