EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Endometriosi: il dienogest è efficace nella terapia del dolore pelvico

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin

Endometriosi: il dienogest è efficace nella terapia del dolore pelvico

11/09/2018

Prof. Stefano Luisi
Ostetricia e Ginecologia, Dipartimento di Medicina Molecolare e dello Sviluppo, Università di Siena

Video realizzato in occasione del Corso ECM su “Patologie ginecologiche benigne e dolore: come scegliere il meglio fra terapie mediche e chirurgiche”, organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 25 maggio 2018

Sintesi del video e punti chiave

Esistono numerosi studi a lungo termine che documentano l’efficacia del dienogest nella cura del dolore pelvico nelle donne affette da endometriosi. Le prime sperimentazioni sono state svolte in Giappone, ma ormai da diversi anni anche l’Europa e l’Italia sono all’avanguardia in questo specifico ambito di ricerca.
In questo video il professor Luisi illustra:
- i risultati dei primi studi condotti in Giappone e in Europa, con la collaborazione dell’Università di Siena, sull’efficacia del dienogest dopo un anno di utilizzo;
- come in chi interrompesse la cura, perché si sentiva bene o voleva cercare una gravidanza, l’intervallo libero da dolore fosse di circa sei mesi;
- i dati estremamente significativi emersi da un altro studio giapponese sull’azione a cinque anni del dienogest e del placebo nei confronti delle recidive;
- come un altro esperimento europeo dimostri che non c’è differenza significativa, a 36 mesi, fra chi si sottopone all’intervento chirurgico e poi assume il dienogest, e chi decide di prendere direttamente il farmaco senza sottoporsi alla chirurgia;
- come gestire a livello di counselling clinico il fenomeno dello spotting che si può presentare nei primi mesi di assunzione.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV
Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter