Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

09/03/2009

Depressione post partum - Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia


Michieli R.
Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia
Atti del Convegno Nazionale della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) su "Non lasciamole sole. Una rete di tutela contro la depressione post partum", Roma, 2 aprile 2008, Intermedia Editore, Brescia, 2008, p. 93-100


Nel percorso della gravidanza e del puerperio esistono molti momenti critici in cui il medico di famiglia può giocare un ruolo importante: in particolare può, se adeguatamente preparato, “prevedere” gli episodi più gravi perché conosce le donne da prima che entrino in gravidanza, le vede dopo e quindi ha modo di seguirle con continuità.
È però evidente che il medico di medicina generale deve affinare la sua sensibilità, perché oggi ha poca attenzione al problema della patologia di tipo psichiatrico in gravidanza e puerperio, sia che si tratti di maternity blues che di depressione post partum. Questo accade perché la conosce poco, e manca una formazione specifica che permetta di non sottovalutare i sintomi.

Per gentile concessione della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) e di Intermedia Editore.

top

Parole chiave:
Depressione post parto - Gravidanza - Medicina di genere - Medico di famiglia - Puerperio

Stampa

© 2009 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici