Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

14/09/2017

Terapia farmacologica del disturbo bipolare in gravidanza: benefici e rischi


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano


Jones SC, Jones I.
Pharmacological management of bipolar disorder in pregnancy
CNS Drugs. 2017 Aug 7. doi: 10.1007/s40263-017-0452-x. [Epub ahead of print]


Valutare le evidenze scientifiche disponibili sull’efficacia e la sicurezza della terapia farmacologica del disturbo bipolare in gravidanza: è questo l’obiettivo dello studio di S.C. Jones e I. Jones, del National Centre for Mental Health presso l’Università di Cardiff, Regno Unito.
Il disturbo bipolare pone in gravidanza una serie di problemi particolari. Nel periodo della gestazione, infatti, si registra un aumento delle ricadute depressive; dopo il parto, inoltre, si verifica un numero significativo di casi di psicosi puerperale, che solitamente richiede il ricovero ospedaliero. Rispetto ad altre fasi della vita della donna, questo periodo richiede ai medici di valutare con particolare attenzione il rapporto fra i rischi di una mancata terapia e i potenziali effetti collaterali dei farmaci sulla madre e sul feto.
Il documento della Cardiff University:
- sottolinea come le evidenze sulla sicurezza degli antidepressivi somministrati durante la gestazione siano limitate e poco robuste;
- illustra i principi generali che dovrebbero governare la prescrizione di farmaci in gravidanza;
- spiega l’importanza del counselling preconcezionale;
- schematizza i rischi e i benefici degli antipsicotici, degli antidepressivi e degli stabilizzatori dell’umore dopo il concepimento.

top

Parole chiave:
Disturbi dell'umore - Disturbo bipolare - Effetti collaterali dei farmaci - Gravidanza - Psicosi puerperale - Terapia farmacologica

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico