Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

23/08/2012

Can bipolar disorder be viewed as a multi-system inflammatory disease?


Leboyer M, Soreca I, Scott J, Frye M, Henry C, Tamouza R, Kupfer DJ.
Can bipolar disorder be viewed as a multi-system inflammatory disease?
J Affect Disord. 2012 Apr 10. [Epub ahead of print]


Le persone affette da disturbo bipolare hanno un elevato rischio di morte prematura, soprattutto per accidenti cardiovascolari. Nel loro lavoro, condotto per iniziativa congiunta della Fondazione “FondaMental” dell’Università di Paris-Est e del dipartimento di Psichiatria dell’Università di Pittsburgh (Pennsylvania, USA), M. Leboyer e collaboratori indagano le comorbilità mediche del disturbo, evidenziando in particolare come il disturbo bipolare possa essere concettualmente descritto nei termini di una patologia multisistemica a base infiammatoria.
Lo studio è stato condotto con una review sistematica di tutti gli articoli in lingua inglese recentemente pubblicati in PubMed sul disturbo bipolare, e contenenti riferimenti incrociati ai seguenti item: mortalità e morbilità, disturbi cardiovascolari, diabete, obesità, sindrome metabolica, infiammazione, auto-anticorpi, retrovirus, stress, sonno e ritmi circadiani.
Le evidenze raccolte suggeriscono come:
- un coinvolgimento multisistemico sia presente sin dalle prime fasi del disturbo bipolare;
- uno stato infiammatorio cronico possa essere il fattore predisponente comune ai disordini cardiovascolari e al disturbo bipolare;
- per ridurre la progressione della malattia e la mortalità prematura, siano necessari uno screening proattivo, procedure diagnostiche multifattoriali e un trattamento multidisciplinare.
In conclusione, gli Autori osservano che:
- le patologie mediche associate al disturbo bipolare dovrebbero essere viste come manifestazioni precoci di un disturbo multisistemico: il monitoraggio clinico è quindi una componente critica della diagnosi e della terapia;
- studiando il disturbo in termini di infiammazione, si potrebbero scoprire i biomarker della patologia e mettere a punto tool diagnostici innovativi, nuovi metodi di prevenzione, trattamenti personalizzati;
- in quest’ottica multisistemica, il disturbo bipolare può essere riconcettualizzato come “disturbo del cervello e del corpo”.

top

Articoli correlati:

Flash dalla ricerca medica internazionale

14/09/2017 - Terapia farmacologica del disturbo bipolare in gravidanza: benefici e rischi

Parole chiave:
Accidenti e malattie cardiovascolari - Disturbo bipolare - Infiammazione

Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico