EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Quando muore un animale domestico: un dolore difficile da affrontare

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
22/02/2018

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Reisbig AMJ, Hafen M Jr, Siqueira Drake AA, Girard D, Breunig ZB.
Companion animal death
Omega (Westport). 2017 Jun; 75 (2): 124-150. doi: 10.1177/0030222815612607
Analizzare il lutto e illustrare le esigenze di assistenza di chi perde un animale domestico: è questo l’obiettivo del lavoro coordinato da Allison M. J. Reisbig, ed espressione del Department of Child, Youth and Family Studies dell’Università del Nebraska, e del College of Veterinary Medicine presso la Kansas State University, USA.
Gli animali domestici sono in aumento in tutto il mondo occidentale e, rispetto al passato, questi piccoli amici sono sempre più considerati come parte integrante del nucleo familiare. Ciononostante, chi non condivide questo tipo di esperienza tende a considerare le relazioni fra uomini e animali come meno importanti di quelle fra gli esseri umani. Questo genera non pochi problemi quando chi dovrebbe supportare la persona che ha perso un animale amato non riesce a capire la rilevanza di quella relazione e la gravità di quella perdita. I veterinari e gli altri professionisti del supporto psicologico dovrebbero essere specificamente formati per gestire anche questa delicata fase della vita.
L’articolo di Reisbig e collaboratori:
- descrive in termini qualitativi la relazione uomo-animale, l’esperienza della perdita e le strategie di coping che il proprietario può mettere in atto;
- confronta questo tipo di lutto con quello umano e con altri tipi di perdite, e ne analizza i fattori che lo rendono unico;
- fornisce consigli pratici ai veterinari e al personale di supporto psicologico.
Un obiettivo analogo si pone B.K. Mohanti nel suo articolo “Grieving the loss of a pet needs the health system recognition” (J Soc Work End Life Palliat Care. 2017 Oct-Dec; 13 (4): 215-218), che con grande sensibilità osserva:
- come chi perde un animale domestico senta un grande vuoto nel cuore e la propria casa come “svuotata”;
- che, a differenza di quanto avviene per la perdita di un figlio, o di un coniuge, in cui tutti condividono il dolore di chi resta, la sofferenza per la morte di un animaletto può non essere capita da chi non mai ha provato lo stesso tipo di esperienza;
- come il dolore emotivo e il distress fisico per la morte dell’animale possano essere davvero elevati;
- come la comunità medica debba identificare e curare i sintomi fisici e psicosociali di chi perde un animale in modo accurato e tempestivo.
Parole chiave di questo articolo
Sullo stesso argomento per pazienti
Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter