EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Psychiatric comorbidity in women with chronic pelvic pain

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
29/03/2012

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Meltzer-Brody S, Leserman J.
Psychiatric comorbidity in women with chronic pelvic pain
CNS Spectr. 2011 Feb 1. pii: Meltzer-Brody. [Epub ahead of print]
Il dolore pelvico cronico è definito come un dolore non ciclico di durata pari ad almeno 6 mesi, e sufficientemente intenso da richiedere terapie e/o provocare disabilità. Colpisce il 15 per cento delle donne in età riproduttiva, è spesso difficile da curare e determina un notevole carico di sofferenza fisica e psicoemotiva.
La review condotta da S. Meltzer-Brody e J. Leserman, della University of North Carolina at Chapel Hill, è stata pubblicata su CNS spectrums, rivista della International Neuropsychiatric Association. Lo studio dei due ricercatori conferma che le donne hanno, rispetto agli uomini, un maggior rischio di depressione e di sindromi dolorose come il dolore pelvico cronico; inoltre, a fronte di questi disturbi, riportano più frequentemente eventi stressanti antecedenti, abusi fisici e sessuali, e una più elevata incidenza di disturbi post-traumatici da stress. Fra queste donne si osserva anche una maggiore prevalenza di dispareunia, dismenorrea e dolore vulvare.
La valutazione clinica della paziente con dolore pelvico cronico dovrebbe includere una visita ginecologica completa e un accurato esame delle sue condizioni psichiche.
La terapia dovrebbe affrontare in modo integrato sia il dolore nelle sue varie manifestazioni, sia le comorbilità psichiatriche. Un trattamento multidisciplinare offre le maggiori probabilità di successo: è importante, in particolare, proporre non solo il tradizionale approccio medico e chirurgico, ma anche una specifica terapia psicofarmacologica e/o psicoterapeutica.
Sullo stesso argomento per professionisti

Flash dalla ricerca medica internazionale

Flash dalla ricerca medica internazionale

Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter