EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Infiammazione e disturbi neuropsichiatrici: una stretta correlazione

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
31/05/2018

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Bauer ME, Teixeira AL.
Inflammation in psychiatric disorders: what comes first?
Ann N Y Acad Sci. 2018 May 11. doi: 10.1111/nyas.13712. [Epub ahead of print]
Fare il punto sulle conoscenze relative alle correlazioni tra infiammazione e disturbi neuropsichiatrici: è questo l’obiettivo dell’articolo di M.E. Bauer e A.L. Teixeira, rispettivamente del National Institute of Science and Technology di Brasilia, Brasile, e dell’Health Science Center dell’Università del Texas a Houston, Stati Uniti.
I disturbi neuropsichiatrici, fra cui la depressione e la schizofrenia, sono strettamente interrelati con l’infiammazione, ed è probabile che si potenzino reciprocamente in una sorta di loop bidirezionale. In particolare, la depressione facilita le reazioni infiammatorie, e l’infiammazione a sua volta favorisce la depressione.
Gli Autori sottolineano come i pazienti affetti da tali disturbi presentino tutte le caratteristiche tipiche dell’infiammazione, inclusi:
- un elevato livello di citochine proinfiammatorie;
- un’iperattivazione delle terminazioni nervose sensitive;
- uno stato infiammatorio diffuso in tutti i tessuti.
Le citochine proinfiammatorie, in particolare, influiscono sull’umore e sulle funzioni cognitive riducendo i livelli cerebrali di monoammine, aumentando i livelli di glutammato e danneggiando la neuroplasticità.
Quali sono le fonti di questa infiammazione cronica?
Evidenze crescenti indicano che le alterazioni della regolazione neuroendocrina, del metabolismo, dell’alimentazione e del microbiota intestinale, oltre ai cattivi stili di vita, sono importanti trigger dell’infiammazione.
Infine, dati recenti indicano come anche lo stress patito nei primi mesi di vita possa predisporre a elevati livelli infiammatori.
Parole chiave di questo articolo
Sullo stesso argomento per professionisti

Flash dalla ricerca medica internazionale

Flash dalla ricerca medica internazionale

Flash dalla ricerca medica internazionale

Flash dalla ricerca medica internazionale

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter