EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

High prevalence of restless legs syndrome among women with multi-site pain: a population-based study in Dalarna, Sweden

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
01/05/2014

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Stehlik R, Ulfberg J, Hedner J, Grote L.
High prevalence of restless legs syndrome among women with multi-site pain: a population-based study in Dalarna, Sweden
Eur J Pain. 2014 Apr 3. doi: 10.1002/ejp.504. [Epub ahead of print]
Studiare le correlazioni fra dolore cronico multilocalizzato (chronic multi-site pain, CMP) e sindrome delle gambe senza riposo (restless legs syndrome, RLS): è questo l’obiettivo dello studio di R. Stehlik e collaboratori, del Pain Center presso la Skonvik Medical Rehabilitation Clinic di Säter, e del Center for Sleep and Vigilance Disorders della Sahlgrenska Academy di Gothenburg, in Svezia.
Il dolore cronico multilocalizzato, spesso espressione di comorbilità su base infiammatoria, è una patologia molto diffusa soprattutto fra le donne. Numerose ricerche hanno per esempio evidenziato un’elevata prevalenza della RLS (31-64%) nelle pazienti colpite da fibromialgia, che è caratterizzata proprio da un dolore muscolare diffuso.
La sindrome delle gambe senza riposo è caratterizzata da formicolii, brividi e, più in generale, un senso di disagio che inducono al movimento, soprattutto degli arti inferiori. Conosciuta anche come sindrome di Wittmaack-Ekbom, colpisce prevalentemente le donne di età compresa fra i 35 e i 50 anni. Può interessare anche le braccia, il tronco e persino un arto fantasma, e disturba pesantemente il sonno.
Lo studio è stato condotto su 4.040 donne della contea svedese di Dalarna, che hanno risposto a un questionario postale inviato a 10.000 donne di età compresa fra i 18 e i 64 anni. Di queste, 3.060 hanno fornito informazioni complete su:
- tipo (acuto, cronico), intensità (da lieve a severo) e diffusione (da 0 a 5 zone del corpo) del dolore;
- eventuali sintomi di RLS, tramite un questionario validato;
- stili di vita, variabili antropometriche, altre patologie e terapie in corso.
Di grande interesse clinico i risultati:
- la prevalenza della RLS aumenta dal 9.6% nelle donne senza alcun tipo di dolore al 23.9%, 26.4%, 39.2%, 44.9% e 54.8% nelle donne che riportano rispettivamente una, due, tre, quattro e cinque aree colpite da dolore (p < 0.001);
- la prevalenza della RLS aumenta dal 9.6% (nessun dolore) al 27.9%, 37.9% e 42.4% nelle donne con dolore cronico rispettivamente lieve, moderato e severo (p < 0.001);
- il dolore multilocalizzato, il dolore localizzato nelle gambe, il dolore di estesa durata e le comorbilità psichiatriche risultano indipendentemente associati alla diagnosi di RLS.
Questi risultati, al di là della variegata eziologia normalmente ipotizzata per la sindrome delle gambe senza riposo (carenza di ferro, folati e magnesio; varici venose; uremia; diabete; malattie della tiroide; neuropatie periferiche; morbo di Parkinson; sclerosi multipla), sembrano individuare un comune substrato infiammatorio fra la RLS stessa e il dolore cronico multilocalizzato, come d’altronde suggerisce la già nota comorbilità del disturbo con alcune malattie autoimmuni (sindrome di Sjögren, celiachia, artrite reumatoide).
Sani stili di vita – ottimizzazione del peso corporeo in rapporto all’altezza (indice di massa corporea [BMI, Body Mass Index] a valori inferiori a 25); movimento fisico quotidiano (un’ora di camminata veloce al giorno può ridurre gli indici infiammatori e il dolore fino al 30%); evitamento di alcol, fumo, grassi e dolci; uso di opportuni integratori, se indicati e su prescrizione del medico (magnesio, ferro, calcio, selenio, acido folico, carnitina, DHA, palmitoiletanolamide) – possono ridurre i livelli di infiammazione sistemica che sottendono sia il dolore, sia la sindrome delle gambe senza riposo, aumentando nettamente l’energia fisica e il senso di benessere, e migliorando la qualità del riposo notturno.
Parole chiave di questo articolo
Sullo stesso argomento per professionisti

Flash dalla ricerca medica internazionale

Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter