Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

20/07/2015

Sarcopenia: diagnosi e prospettive terapeutiche


Anna Maria Paoletti, Monica Pilloni, Maria Francesca Marotto, Marisa Orrù, Gian Benedetto Melis
Sarcopenia: diagnosi e prospettive terapeutiche
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Menopausa precoce: dal dolore alla salute", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 27 marzo 2015, p. 29-35


La sarcopenia costituisce un importante e ancora sottovalutato problema nella salute della donna. Peggiora con l’età, con la perdita menopausale di ormoni sessuali e con la mancanza di esercizio fisico, oltre ad altri fattori intercorrenti come l’allettamento prolungato. Presenta importanti comorbilità con la patologia cardiovascolare e con il deterioramento cognitivo fino alla demenza.
Il ginecologo può prevenirla, ridurne la progressione e le gravi comorbilità associate incoraggiando stili di vita sani, tra cui l’esercizio fisico quotidiano, e usando con intelligenza clinica le terapie ormonali sostitutive, quando indicate.

top

Parole chiave:
Alimentazione - Demenza / Demenza di Alzheimer - Estrogeni - Infiammazione - Menopausa - Osteopenia / Osteoporosi - Rischio cardiovascolare - Sarcopenia - Sovrappeso e obesità - Sport e movimento fisico - Stili di vita - Terapia ormonale sostitutiva - Vitamina D

Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici