Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

17/08/2015

Menopausa precoce: ruolo del calcio e della vitamina D nel metabolismo osseo


Marco Gambacciani
Menopausa precoce: ruolo del calcio e della vitamina D nel metabolismo osseo
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Menopausa precoce: dal dolore alla salute", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 27 marzo 2015, p. 47-53


La salute osteomuscolare è un pilastro della salute e condizione necessaria, ancorché non sufficiente, per vivere in autonomia. Il ginecologo che si occupi di menopausa dovrebbe considerare il monitoraggio della salute osteoarticolare come parte integrante del proprio intervento diagnostico e terapeutico.
Questo è ancor più essenziale in caso di menopausa precoce, che anticipa ed esaspera tutte le problematiche osteoarticolari e muscolari. L’attenzione ai livelli di calcio e vitamina D, e la loro supplementazione, in associazione o meno a terapia ormonale sostitutiva, quando appropriata, fa parte essenziale di un buon counselling medico, attento anche alla salute osteoarticolare e muscolare della donna dopo la menopausa.

top

Parole chiave:
Apparato muscolare - Apparato osteo-articolare - Calcio - Menopausa precoce iatrogena - Menopausa precoce spontanea - Osteopenia / Osteoporosi - Terapia ormonale sostitutiva - Vitamina D

Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici