EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Miomi e infertilità

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin

Miomi e infertilità

12/12/2016

Prof. Mauro Costa
Responsabile S.S.D. Medicina della Riproduzione
Ospedale Evangelico Internazionale - Genova

Mauro Costa
Miomi e infertilità
Corso ECM su "Fibromatosi uterina, dalla A alla Z", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 21 ottobre 2016

Sintesi del video e punti chiave

I fibromi sono tumori monoclonali derivanti da cellule staminali endometriali. Il loro sviluppo è condizionato anche dalla predisposizione genetica, così come esistono determinate caratteristiche genetiche legate alla loro dimensione. Nel 40 per cento dei casi si riscontrano anche anomalie cromosomiche associate.
In questo intervento, il professor Costa illustra:
- il processo di sviluppo dei fibromi a partire dalla cellula staminale, in funzione della predisposizione genetica e dell’azione degli ormoni sessuali;
- i potenziali target terapeutici che si possono desumere dalla patogenesi del disturbo;
- il promettente ruolo, in particolare, dei modulatori selettivi del recettore del progesterone (SPRM);
- la classificazione attuale di fibromi, più complessa e articolata rispetto al passato;
- l’impatto dei fibromi sottosierosi, sottomucosi e intramurali sulle quattro fondamentali dimensioni della fertilità: impianto, gravidanza clinica, abortività, live birth rate;
- i meccanismi anatomo-funzionali attraverso cui i fibromi riducono la fertilità;
- in quali casi la chirurgia è raccomandata per migliorare la probabilità di iniziare e portare a termine una gestazione;
- le evidenze disponibili sull’efficacia terapeutica di altre tecniche e farmaci (ulipristal acetato, embolizzazione dell’arteria uterina, ultrasuoni, criomiolisi).
Sullo stesso argomento per pazienti
Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter