Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

11/09/2017

Mastociti, infiammazione e comorbilità nel dolore viscerale


Giamberardino MA, Affaitati G, Massimini F, Costantini R.
Mastociti, infiammazione e comorbilità nel dolore viscerale
Graziottin A. Murina F. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Il dolore vulvare dall'A alla Z: dall'infanzia alla post-menopausa", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 7 aprile 2017, p. 12-18


Il dolore viscerale è un sintomo cardine in medicina e una delle ragioni principali di consultazione sanitaria da parte dei pazienti. Il dolore a partenza dagli organi riproduttivi femminili, in particolare, è un problema clinico di notevole rilievo.
La somministrazione orale protratta di palmitoiletanolamide ultramicronizzata, da sola o in combinazione con i classici analgesici antinfiammatori, può essere utile nelle pazienti affette dalla difficile ed estrema condizione dolorosa di iperalgesia viscero-viscerale prodotta dall’endometriosi in comorbilità con altre condizioni algogene del distretto pelvico.

top

Parole chiave:
Comorbilità - Dolore viscerale - Endometriosi - Infiammazione - Iperalgesia - Mastocita - Microglia - Palmitoiletanolamide

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici