Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Video Stream

Condividi su
Stampa

27/11/2012

Le basi infiammatorie del dolore



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


Le basi infiammatorie del dolore

Sintesi del video e punti chiave

Il dolore è un “semaforo rosso” che segnala un danno anatomico e funzionale per l’organismo. E il fatto che le donne soffrano più degli uomini non significa che il dolore se lo inventino, o che esso sia di natura psicologica: esistono, al contrario, numerosi studi che dimostrano come il dolore abbia una solidissima base biologica e sia indotto soprattutto dallo stato infiammatorio determinato dal danno tissutale.
Quali sono le principali evidenze scientifiche di questo rapporto tra infiammazione e dolore? Perché le persone depresse hanno più dolori di quelle non depresse? E perché, a propria volta, il dolore può indurre depressione?
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- che cosa sono i mastociti e perché nelle donne si attivano più facilmente;
- le tre principali evidenze istologiche che confermano il rapporto tra infiammazione e dolore in patologie croniche come l’endometriosi, la sindrome del colon irritabile, la sindrome della vescica dolorosa e la vestibolite vulvare: aumento dei mastociti nell’area dolente; aumento dei mastociti degranulati, ossia attivati; contatto simil-sinaptico fra mastociti e fibre del dolore;
- come i mastociti e le fibre del dolore possano attivarsi reciprocamente, avviando il circolo vizioso del dolore cronico;
- la straordinaria corrispondenza che i ricercatori hanno riscontrato, nelle donne affette da sindrome del colon irritabile, fra numero dei mastociti degranulati e intensità del dolore percepito;
- come anche la depressione sia una malattia sistemica a base infiammatoria, il che spiega la maggiore vulnerabilità della persona depressa al dolore;
- quali neurotrasmettitori si riducono nella depressione, e con quali conseguenze;
- che cos’è la microglia e quale ruolo ricopre nella patogenesi della depressione e delle malattie neurodegenerative;
- come il sovrappeso possa aggravare ulteriormente il quadro depressivo;
- come i medici abbiano una grande responsabilità nel sensibilizzare i pazienti sui corretti stili di vita e nel ripensare le terapie del dolore e della depressione in chiave antinfiammatoria.

Per gentile concessione di MedLine.TV

top

Parole chiave:
Depressione - Dolore cronico - Endometriosi - Infiammazione - Mastocita - Microglia - Sindrome del colon/intestino irritabile - Sindrome della vescica dolorosa / Cistite interstiziale - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Video Stream