EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

La vulvodinia: il dilemma del dolore "senza cause apparenti" - Le implicazioni psicosessuologiche

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin

La vulvodinia: il dilemma del dolore "senza cause apparenti" - Le implicazioni psicosessuologiche

01/03/2011
Puliatti M.
La vulvodinia: il dilemma del dolore "senza cause apparenti" - Le implicazioni psicosessuologiche
Video stream della relazione tenuta al corso ECM su "Il dolore sessuale femminile: dai sintomi alla diagnosi e alla terapia" - Condirettori: Prof.ssa Alessandra Graziottin e Dr. Filippo Murina - Organizzato dalla "Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna" e dalla Associazione Italiana Vulvodinia (AIV), Milano, 12 marzo 2010

Sintesi della relazione e punti chiave

Il dolore è un fenomeno percettivo multidimensionale: anche i pensieri e le emozioni ne influenzano la formazione, la percezione e il mantenimento. Negli ultimi anni, molti studi sulla vulvodinia hanno analizzato il ruolo di fattori predisponenti come gli abusi sessuali, la familiarità per disagi e disfunzioni psicosessuali, ed esperienze pregresse di dolore, inclusi i traumi iatrogeni in ambito uroginecologico.
Quali indicazioni scaturiscono dalle indagini più recenti? Che conseguenze ne derivano in ambito terapeutico?
In questa relazione la dottoressa Puliatti illustra:
- come fattori squisitamente psicologici possano contribuire allo spasmo muscolare e all’esacerbazione del dolore;
- come il dolore possa a sua volta agire come fattore di stress e accrescere la tensione muscolare, inducendo un circolo vizioso tendente a cronicizzarsi;
- il ruolo del sistema nervoso autonomo, simpatico e parasimpatico, nella gestione della risposta fisica ed emotiva al dolore;
- che cosa accade quando alla fase di tensione non segue quella di stabilizzazione e scarica, e la persona rimane in continuo stato di allarme;
- come l’ansia sembri essere un tratto costante delle pazienti affette da vulvodinia;
- la possibilità che in queste donne siano presenti anche una difficoltà ad esprimere le proprie emozioni e una distorsione dell’immagine corporea e, in particolare, dei genitali;
- come nella cura della vulvodinia sia necessario integrare approccio ginecologico e psicoterapia;
- gli obiettivi dell’approccio terapeutico integrato.
Sullo stesso argomento per pazienti
Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter