Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

08/12/2014

Il dolore in ostetricia, sessualità e disfunzioni del pavimento pelvico


Giulia Castagna, Angela Pecoraro, Andrea Salonia
Il dolore in ostetricia, sessualità e disfunzioni del pavimento pelvico - Cistiti interstiziali
Atti del corso ECM su "Dolore in ostetricia, sessualità e disfunzioni del pavimento pelvico. Il ruolo del ginecologo nella prevenzione e nella cura", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 6 giugno 2014, p. 81-85


Con il termine “cistite interstiziale” (CI) si definisce classicamente l’infiammazione cronica della mucosa e della sottomucosa vescicali. In realtà oggi si preferisce fare riferimento a una più ampia identità clinica, utilizzando il termine di IC/BPS (Interstitial Cystitis/Bladder Pain Syndrome), definita dalla Società per l’Urodinamica e l’Urologia Femminile (SUFU) come «una spiacevole sensazione di dolore, pressione, discomfort correlata alla vescica, associata a sintomi del basso tratto urinario, della durata di più di sei settimane, in assenza di infezioni o di altre cause definibili».
Considerando che è comune che tale disordine coesista con altre condizioni mediche a oggi poco spiegabili, quali la sindrome da stanchezza cronica, la fibromialgia, la sindrome dell’intestino irritabile, la sindrome di Sjögren, la cefalea cronica, la depressione e l’ansia, come pure la vulvodinia, si può pensare alla IC/BPS come a una patologia appartenente al gruppo delle malattie da ipersensibilità della vescica e di altri organi prevalentemente, ma non solo, viscerali.

top

Parole chiave:
Cistite interstiziale - Comorbilità - Dispareunia femminile - Dolore pelvico cronico - Sindrome della vescica dolorosa - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici