Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Video Stream

Condividi su
Stampa

17/04/2018

Dolore ai rapporti: aspetti biomeccanici del disturbo – Parte 1



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano


Dolore ai rapporti: aspetti biomeccanici del disturbo – Parte 1

Sintesi del video e punti chiave

Quando una donna lamenta dolore ai rapporti, la causa è sempre la secchezza vaginale o ci sono altri fattori scatenanti? Per rispondere a questa domanda bisogna prendere in considerazione i muscoli del pavimento pelvico e la biomeccanica dell’atto sessuale.
Nella prima parte di questo video la professoressa Graziottin illustra:
- che cos’è il muscolo “elevatore dell’ano”, come è fatto e a che cosa serve;
- come questo muscolo, in condizioni normali, garantisca la tenuta degli sfinteri;
- che cosa succede, sempre in condizioni fisiologiche, quando la donna urina, defeca, ha un rapporto o partorisce;
- che cosa accade, invece, quando il muscolo è contratto in modo anomalo;
- come si accerta, durante l’esame obiettivo, l’ipertonicità muscolare;
- le complicanze che possono manifestarsi quando la donna ha un rapporto sessuale in condizioni di iperattività del pavimento pelvico.

Per gentile concessione di Medicina e Informazione WebTv

top

Parole chiave:
Candida / Candida recidivante - Dispareunia - Dolore ai rapporti - Pavimento pelvico iperattivo - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata - Vulvodinia

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Video Stream