EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Analgesia per il travaglio di parto: il ruolo dell'anestesista

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
19/01/2015
Giovanna Valentini
Analgesia per il travaglio di parto: il ruolo dell’anestesista
Atti del corso ECM su "Dolore in ostetricia, sessualità e disfunzioni del pavimento pelvico. Il ruolo del ginecologo nella prevenzione e nella cura", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 6 giugno 2014, p. 99-102
Il dolore da parto ha infatti una connotazione molto particolare, poiché è comunque collegato a un evento positivo, e non è sintomo di alcuna malattia.
Lo scopo dell’analgesia del parto è di ridurre il dolore e anche l’ansia della paziente, al fine di garantire il benessere materno-fetale e una corretta progressione del travaglio, senza interferire con i tempi e con la corretta evoluzione del travaglio stesso.
Parole chiave di questo articolo
Sullo stesso argomento per professionisti

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter