Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

08/11/2018

Vestibolite vulvare: la candida può favorirla



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Da diversi mesi soffro di un persistente bruciore alle piccole labbra, più o meno all’entrata della vagina, che sembra aumentare quando sto seduta a lungo o in corrispondenza della fase post ovulatoria, prima del ciclo. Temo si possa trattare di vestibolite vulvare e vorrei discuterne con voi come esperti in materia. Inoltre combatto da decenni con recidive di candida. Ho 45 anni e tre aborti alle spalle sine causa. Placo il bruciore con gel idratanti, ma la qualità della mia vita è pessima, e i rapporti sessuali sono pressoché impossibili”.
A.L.

top

Gentile amica, basandoci sul racconto da lei fornito potrebbe effettivamente trattarsi di vestibolite vulvare, una patologia infiammatoria cronica del vestibolo vaginale, la cui diagnosi è clinica (sintomi di candida recidivante, bruciore persistente all’entrata vaginale, o vestibolo, riscontro di rossore a livello dell’introito vaginale associato a ipertono della muscolatura del pavimento pelvico).
Attenzione: la Candida recidivante può essere un segno molto preciso di ipertono del muscolo elevatore dell’ano, che fa parte del pavimento pelvico, e che chiude in basso il bacino circondando l’uretra, la vagina e l’ano. Quando è troppo contratto (“ipertono”), restringe l’entrata vaginale e favorisce le microabrasioni, al momento del rapporto, che mettono in contatto anche minime quantità di Candida presenti normalmente in vagina con il nostro sistema di difesa (”mastociti”): è questo che può scatenare sia l’infezione acuta, sia la reazione immunoallergica che provoca la vestibolite.
Considerando la natura infiammatoria, immunoallergica, e non solo infettiva della patologia, i tamponi colturali risultano essenzialmente negativi.
Le infezioni ricorrenti da Candida possono però predisporre allo sviluppo della vestibolite, se non adeguatamente trattate: lo conferma un’indagine italiana, condotta sotto l’egida della Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus e dell’Associazione italiana Vulvodinia in oltre venti centri in tutto il territorio nazionale, su oltre 1000 donne colpite da dolore vulvare. Ben il 29,1 per cento delle donne con i suoi stessi sintomi ha sofferto di candida recidivante che ha scatenato una risposta immunoallergica a livello del vestibolo vulvare: ecco perché ci sono tutti i sintomi che lei lamenta, ma i tamponi vaginali per la candida possono essere negativi o solo occasionalmente positivi. In animali da esperimento, al terzo episodio di vaginite da Candida compaiono tutti i sintomi e segni della vestibolite, a ulteriore conferma di questa stretta relazione patogenetica.
Si può guarire dalla patologia nel giro di alcuni mesi: è necessario instaurare un protocollo completo di farmaci (miorilassanti, antimicotici, antinfiammatori, probiotici intestinali) da associare a sedute di riabilitazione del pavimento pelvico (ben fatte!) e a norme dietetico-comportamentali (evitare zuccheri semplici e prodotti lievitati, prediligere biancheria intima di cotone o in fibroina di seta medicata, e capi di abbigliamento non aderenti). Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Candida / Candida recidivante - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico