Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

06/11/2014

Vaginosi batterica e complicanze infettive per l'apparato genitale femminile


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano


Swidsinski A, Verstraelen H, Loening-Baucke V, Swidsinski S, Mendling W, Halwani Z.
Presence of a polymicrobial endometrial biofilm in patients with bacterial vaginosis
PLoS One. 2013; 8 (1): e53997. doi: 10.1371/journal.pone.0053997. Epub 2013 Jan 8.


Accertare se i biofilm patogeni associati alla vaginosi batterica risalgano lungo l’apparato genitale femminile, mettendo in pericolo l’utero e le tube di Falloppio. E’ questo l’obiettivo dello studio di A. Swidsinski e collaboratori, del Laboratorio di Genetica Molecolare presso la Universitätsmedizin di Berlino, Germania.
L’analisi è stata condotta su campioni di endometrio, ricavati con il curettage, e delle tube, ottenuti nel corso di salpingectomia. Nei campioni è stata verificata, con l’ibridazione fluorescente in situ, l’eventuale presenza di batteri associati alla vaginosi e altri batteri.
In parte dei campioni analizzati, la ricerca ha rivelato la presenza di un biofilm di Gardnerella di origine vaginale. Dalle successive analisi statistiche è risultato che:
- le donne con vaginosi batterica hanno un rischio del 50% (95% CI 24.0-76.0) di avere un biofilm di Gardnerella vaginale nell’endometrio;
- lo stato di gravidanza (OR corretto  =  41.5, 95% CI 5.0-341.9, p<0.001) e la vaginosi batterica (OR  corretto =  23.2, 95% CI 2.6-205.9, p<0.001) sono altamente predittive della presenza di colonizzazioni batteriche a livello dell’utero o delle tube, in confronto alle donne non gravide e non affette da vaginosi batterica.
Due le importati conclusioni tratte dagli Autori:
- la vaginosi batterica è frequentemente associata alla presenza di biofilm patogeni di Gardnerella vaginale nell’endometrio;
- questo dato, se confermato da ulteriori studi, potrà aiutarci a comprendere meglio la correlazione fra vaginosi batterica ed eventi avversi in gravidanza.

top

Parole chiave:
Apparato genitale femminile - Biofilm patogeno - Gardnerella vaginalis - Gravidanza - Vaginosi batterica

Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico