Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

21/06/2018

Sintomi menopausali, quando la terapia ormonale sostitutiva è controindicata



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Vorrei chiedervi dei chiarimenti in merito alla terapia ormonale sostitutiva con ormoni bioidentici. Ho 50 anni e sono in menopausa da due. La ginecologa mi ha sconsigliato la TOS perché ho i calcoli alla colecisti (senza sintomi) e il valore dell’antitrombina lievemente al di sotto dei parametri. Ho però problemi d’insonnia, ansia, lieve depressione, stanchezza e anche scarso desiderio sessuale, dunque volevo sapere se il DHEA associato alla crema di testosterone applicata localmente possono essermi di aiuto, ma soprattutto se posso fare questa terapia nonostante i calcoli biliari e il valore dell'antitrombina lievemente basso (tutte le altre voci delle analisi sono normali). So che non dovrei, ma fumo anche tre o quattro sigarette al giorno... Grazie e un cordiale saluto”.

top

Gentile amica, nel suo caso la terapia ormonale sostitutiva sistemica, anche con ormoni bioidentici, risulta controindicata per l’aumentato rischio trombotico (alterazione del livello di antitrombina III, calcolosi biliare e fumo di sigaretta). Pertanto le consigliamo, oltre all’eliminazione del fumo, di alleviare i sintomi di cui soffre ricorrendo a integratori naturali a base di fitoestrogeni o principi attivi da loro derivati, come l’equolo, oppure all’estratto di polline e pistillo, da associarsi a stili di vita sani con alimentazione corretta e attività fisica quotidiana. Per un’eventuale terapia locale, a base di estriolo ed eventualmente di testosterone di estrazione vegetale, per migliorare la salute e lo stato di nutrizione (“trofismo”) dei tessuti genitali, oltre che la qualità della risposta sessuale, parli con il suo ginecologo di fiducia. Queste terapie, che agiscono solo a livello locale, vaginale, non sono controindicate anche in casi come il suo, ma vanno sempre prescritte dal ginecologo/a di fiducia, che può valutate accuratamente il suo caso. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Equolo - Estratto di polline e pistillo - Farmaci / Controindicazioni - Fitoestrogeni - Fumo - Menopausa - Rischi cardiovascolari - Sintomi menopausali - Stili di vita - Terapia ormonale sostitutiva

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico