EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Paura del parto: i benefici della presenza di un’ostetrica conosciuta

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
30/07/2020

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Hildingsson I, Rubertsson C, Karlström A, Haines H.
A known midwife can make a difference for women with fear of childbirth: birth outcome and women's experiences of intrapartum care
Sex Reprod Healthc. 2019 Oct;21:33-38. doi: 10.1016/j.srhc.2019.06.004. Epub 2019 Jun 15
Verificare se la presenza di un’ostetrica già conosciuta durante la gestazione migliori l’esperienza e l’esito del parto nelle donne che hanno paura del parto stesso: è questo l’obiettivo dello studio sperimentale coordinato da Ingegerd Hildingsson ed espressione del Dipartimento di Salute materno-infantile presso l’Università di Uppsala e del Dipartimento di Assistenza infermieristica presso la Mid Sweden University di Sundsvall, Svezia.
In Svezia, le donne che hanno paura del parto ricevono un counselling specifico ma raramente, durante il travaglio, vengono seguite da un’ostetrica che già conoscano.
Lo studio è stato condotto su 70 donne prese in carico, al momento del parto, dalla stessa ostetrica che aveva curato il counselling nell’ultima fase della gestazione.
Questi i due importanti risultati raggiunti:
- la presenza dell’ostetrica ha ridotto nettamente la paura della donna e migliorato la percezione del dolore, pur non modificando il momento di inizio del travaglio e la modalità del parto;
- la donna si è sentita informata meglio, ha potuto partecipare maggiormente al processo decisionale e ha avuto la sensazione di mantenere il controllo della situazione.
Questo studio, anche se condotto su un campione limitato, indica come un semplice accorgimento organizzativo possa, quando possibile, migliorare il setting del parto a tutto vantaggio della tranquillità e della salute della donna e del nascituro.
Ulteriori studi con assegnazione randomizzata delle partorienti al counselling e/o alla continuità di cura potranno meglio chiarire il rispettivo contributo dei due provvedimenti al controllo della paura.
Parole chiave di questo articolo

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter