Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

26/03/2020

Mutazioni BRCA: salpingo-ovariectomia bilaterale preventiva, menopausa precoce iatrogena e terapia ormonale sostitutiva


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano


Gasparri ML, Taghavi K, Fiacco E, Zuber V, Di Micco R, Gazzetta G, Valentini A, Mueller MD, Papadia A, Gentilini OD.
Risk-reducing bilateral salpingo-oophorectomy for BRCA mutation carriers and hormonal replacement therapy: if it should rain, better a drizzle than a storm
Medicina (Kaunas). 2019 Jul 29;55(8). pii: E415. doi: 10.3390/medicina55080415


Fare il punto sulla sicurezza della terapia ormonale sostitutiva nelle donne portatrici di una mutazione BRCA sottoposte a salpingo-ovariectomia bilaterale preventiva, e quindi in menopausa precoce: è questo l’obiettivo dello studio coordinato da Oreste D. Gentilini ed espressione del Dipartimento di Chirurgia della mammella dell’Ospedale San Raffaele di Milano, del Dipartimento di Medicina clinica e Chirurgia dell’Università Federico II di Napoli, dell’Istituto di Medicina sociale e preventiva e del Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia dell’Università di Berna, e del Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia dell’Università della Svizzera Italiana a Lugano.
Le donne portatrici di una mutazione BRCA hanno un maggiore rischio di sviluppare un cancro al seno e ovarico. La strategia più efficace per ridurre questo rischio è la salpingo-ovariectomia bilaterale, eventualmente associata alla mastectomia. L’intervento è consigliato in particolare alle donne di età compresa fra i 35 e i 40 anni, per la mutazione BCRA1, e fra i 40 e i 45 anni, per la mutazione BRCA2.
Queste donne (e soprattutto le portatrici della mutazione BRCA1, che vengono operate a un’età ancora più giovane) vanno incontro a una menopausa precoce iatrogena, con sintomi seri e una peggiore qualità di vita, ma anche un aumentato rischio di osteopenia e osteoporosi, malattie cardiovascolari (ipertensione, infarto) e neurodegenerative, fra cui la demenza di Alzheimer e il morbo di Parkinson. Rischi che secondo alcuni ricercatori vanno ridotti, attraverso la terapia ormonale sostitutiva (TOS).
Tuttavia, benché studi recenti indichino che la TOS non sembra compromettere l’effetto protettivo sul seno della salpingo-ovariectomia, è necessario che l’indicazione e il tipo di cura vengano valutati in modo congiunto dall’oncologo di fiducia e dal ginecologo esperto di terapie ormonali, affinché la decisione sia ben ponderata e personalizzata per la singola donna, di cui vanno ben valutati rischi e benefici di ciascuna opzione.
In particolare:
- gli estrogeni in sé non sembrano aumentare il rischio di cancro al seno nelle donne portatrici della mutazione BRCA1 sottoposte a salpingo-ovariectomia;
- la sicurezza del progesterone, indispensabile per la protezione dell’endometrio, richiede invece ulteriori verifiche. D’altra parte, quando la donna viene sottoposta anche a isterectomia, l’indicazione del progesterone viene meno, e con essa il potenziale rischio per la mammella.
In sintesi, quindi: i ricercatori restano prudenti, in considerazione sia dell’alto rischio basale nelle portatrici di BRCA1 e/o BRCA2, sia dell’assenza (per ora) di studi controllati che abbiano valutato in modo dirimente il ruolo delle terapie ormonali sostitutive in questo gruppo di pazienti. Ogni decisione deve quindi essere personalizzata, come anticipato, grazie a una stretta collaborazione fra oncologo di fiducia e ginecologo esperto di terapie ormonali, per scegliere il meglio per la singola donna, in termini di qualità di vita, ma anche di aspettativa di salute, su tutti i fronti.

top

Parole chiave:
Cancro della mammella - Cancro ovarico - Chirurgia oncologica - Mastectomia preventiva - Menopausa precoce iatrogena - Mutazione BRCA - Oncologia - Rischio oncogeno - Salpingo-ovariectomia bilaterale preventiva - Terapia ormonale sostitutiva

Stampa

© 2020 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico