Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

14/06/2019

Dolori articolari in menopausa: la cura consigliata


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Ho 50 anni, e da circa un anno sono iniziati i primi sintomi della menopausa. Per le vampate ho provato degli integratori naturali, ma senza risultato; allora la mia ginecologa mi ha dato una terapia sostitutiva a base di estradiolo e diidrogesterone. Da allora non ho più avuto vampate, ma da circa tre mesi ho molto male alle articolazioni. Vorrei sapere se basta la terapia ormonale che sto facendo, o se devo integrare con altro. Grazie”.
Cristina

top

Gentile Cristina, la terapia impostata dalla sua ginecologa è in genere ottima per il controllo della sintomatologia menopausale. Tuttavia, se il controllo dei sintomi, inclusi i dolori articolari, non è sufficiente, è indicato aumentare il dosaggio dell’estradiolo, passando alla formulazione orale estradiolo e diidrogesterone detta 2/10. In alternativa, la terapia transdermica, con gel o cerotti, può dare risultati migliori perché garantisce livelli plasmatici costanti, che sono più efficaci quando raggiungono i 50 picogrammi per millilitro. Ne parli con la sua brava ginecologa.
I disturbi articolari aumentano nettamente dopo la menopausa. Il 25% delle donne, ha una forma ereditaria, molto aggressiva, di infiammazione articolare (“osteoartrite”), soprattutto a carico delle piccole articolazioni di mani e piedi, e poi delle ginocchia e anche. L’infiammazione articolare, scatenata prima dalle marcate fluttuazioni estrogeniche della perimenopausa, e poi dalla carenza di estrogeni postmenopausale, causa molti dolori e rigidità articolare, soprattutto mattutina. Dà poi luogo alla fase degenerativa con deformazione delle articolazioni, la vera e propria artrosi. Spesso ne sono affette anche la mamma o le nonne.
La prima cura è proprio fare la terapia ormonale sostitutiva, a dosaggi adeguati, per ridurre l’infiammazione e l’aggressività dell’artrosi, soprattutto ereditaria, e prolungare il benessere articolare. Sono utili anche integratori specifici a base di aminoacidi, come la glucosamina solfato, e l’acido ialuronico, da abbinare a riduzione del peso (che aumenta il carico e la deformazione articolare) fino a raggiungere il peso forma, scegliendo uno stile di vita sano e comprensivo di una moderata attività fisica aerobica quotidiana.
E’ indispensabile infine dedicare grande attenzione a mantenere una postura corretta, per ridurre le deformazioni articolari da asimmetria del carico biomeccanico proprio per posture errate. Una competente fisioterapia posturale può rivelarsi preziosa.
Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Dolore osteo-articolare - Menopausa - Terapia ormonale sostitutiva - Vampate di calore

Stampa

© 2019 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico