Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

01/06/2017

Artrosi dell'anca e del ginocchio: impatto sulla capacità di movimento


King LK, Kendzerska T, Waugh EJ, Hawker GA.
The impact of osteoarthritis on difficulty walking: a population-based study
Arthritis Care Res (Hoboken). 2017 May 17. doi: 10.1002/acr.23250. [Epub ahead of print]


Accertare in che misura l’artrosi dell’anca e del ginocchio compromette la capacità di camminare: è questo l’obiettivo dello studio di L.K. King e collaboratori, del Dipartimento di Medicina dell’Universitò di Toronto, Canada.
L’analisi è stata impostata coinvolgendo inizialmente 28.451 persone di età superiore ai 55 anni, alle quali è stato chiesto di rispondere a un questionario validato su dati demografici, condizioni di salute, problemi articolari e limitazioni funzionali, inclusa la difficoltà di camminare negli ultimi 3 mesi. I risultati così ottenuti sono stati incrociati con i dati dei database sanitari pubblici, e si è così giunti a identificare una coorte definitiva di 18.490 persone (età media 68 anni, 60 per cento donne).
L’artrosi dell’anca o del ginocchio è stata definita come una condizione caratterizzata da gonfiore, dolore e/o rigidità di durata non inferiore alle sei settimane negli ultimi tre mesi, senza una diagnosi di artrite infiammatoria.
Attraverso l’analisi statistica dei dati, si è giunti a individuare i fattori che predispongono alla difficoltà di movimento. Questi, in sintesi, i risultati:
- il 25% dei partecipanti ha riportato difficoltà a camminare;
- la difficoltà di movimento correla in misura significativa e indipendente con l’età avanzata, il sesso femminile, l’indice di massa corporea e numerose patologie;
- l’artrosi dell’anca e del ginocchio è il fattore predittivo più forte di difficoltà di movimento, e l’impatto cresce con il numero di articolazioni coinvolte.
Più in particolare, la probabilità che una donna di 60 anni, normopeso, con un reddito di livello medio, abbia difficoltà a camminare è pari a:
- 5-10 per cento in assenza di patologie maggio;
- 10-20 per cento in presenza di diabete e malattie cardiovascolari;
- 40 per cento in presenza di artrosi a due articolazioni di anca e ginocchio;
- 60-70 per cento in presenza di diabete, malattie cardiovascolari e artrosi a due articolazioni di anca e ginocchio;
- 80 per cento in presenza di diabete, malattie cardiovascolari e artrosi a tutte le articolazioni di anca e ginocchio.
In altre parole, l’artrosi determina un rapido peggioramento della capacità di movimento sia quando sia l’unico disturbo in corso, sia quando si sommi ad altre malattie. Questo appare tanto più grave quando si consideri che proprio patologie croniche come il diabete e i disturbi cardiovascolari rchiederebbero, in aggiunta alle terapie farmacologiche, un’attività fisica regolare: è quindi necessario che in questo tipo di pazienti si presti la massima attenzione alla diagnosi precoce e alla terapia dell’artrosi.

top

Parole chiave:
Accidenti e malattie cardiovascolari - Diabete / Diabete gestazionale - Osteoartrosi - Sport e movimento fisico

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico