Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

27/04/2015

Ruolo dei lattobacilli nella prevenzione e cura della patologia infettiva genitale


Alessandra Graziottin
Ruolo dei lattobacilli nella prevenzione e cura della patologia infettiva genitale
Approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Dolore in ostetricia, sessualità e disfunzioni del pavimento pelvico. Il ruolo del ginecologo nella prevenzione e nella cura", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 6 giugno 2014, p. 53-56


La conoscenza del microbiota vaginale e dei meccanismi con i quali i lattobacilli agiscono nel mantenere una adeguata “salute” dell’ecosistema vaginale è uno dei principali aspetti di novità nella comprensione dei meccanismi patogenetici delle infezioni genitali.
Differenti lattobacilli possono avere profili di efficacia differente in accordo alle loro capacità di interagire con il microbiota vaginale. La comprensione di queste differenze e, di conseguenza, la definizione del profilo di efficacia clinica ha importanti ricadute cliniche, in particolare con riferimento al rischio di parto pretermine.

top

Parole chiave:
Diabete / Diabete gestazionale - Ecosistema vaginale - Gravidanza - Lattobacilli - Parto prematuro - Preeclampsia - Probiotici - Vaginosi batterica

Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici