Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

19/05/2008

L'incisione secondo Pfannenstiel, comunemente utilizzata per i tagli cesarei, come fonte di dolore cronico - Sintesi commentata



Prof.ssa Alessandra Graziottin, Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


Commento a:
Maarten J. Loos, MD, Marc R. Scheltinga, MD, PhD, Leon G. Mulders, MD, PhD, and Rudi M. Roumen, MD, PhD
The Pfannenstiel Incision as a Source of Chronic Pain
Obstet Gynecol. 2008 Apr; 111 (4): 839-46


L’incisione secondo Pfannenstiel (o “taglio bikini”) è spesso scelta negli interventi addominali per la sua bassa incidenza di ernie incisionali e per il suo buon risultato estetico. Nonostante questi vantaggi, alcuni Autori hanno riportato un dolore cronico associato all’intrappolamento dei nervi ilio-ipogastrici o ileo-inguinali. Gli studi sul dolore post-incisionale in questa sede specifica sono molto pochi. Maarten e Colleghi hanno studiato questo fenomeno, sottoponendo un questionario valutante la sintomatologia dolorosa cronica ad un gruppo di 690 donne che aveva subito un’incisione addominale secondo Pfannenstiel.

top

Parole chiave:
Cicatrice - Dolore cronico - Dolore pelvico cronico - Ginecologia - Incisione di Pfannenstiel - Isterectomia - Taglio cesareo

Stampa

© 2008 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici