Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Video Stream

Condividi su
Stampa

01/04/2014

Dopo il parto: un cammino gioioso e a volte difficile – Parte 5



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


Dopo il parto: un cammino gioioso e a volte difficile – Parte 5

Sintesi del video e punti chiave

Prosegue anche questa settimana la nostra inchiesta sulla depressione post partum e sui suoi correlati clinici: ansia, depressione, astenia, dolore. Oggi approfondiamo le cause che possono determinare un prolungamento dello stato depressivo oltre il periodo immediatamente successivo al parto, e i possibili rimedi.
Una depressione che prosegue uno o due anni dopo la nascita del bambino è ancora etichettabile come “post parto”? Quali sono i fattori che la favoriscono? Che cosa può fare la donna per contrastarla e ritrovare la serenità?
Nel corso della quinta parte del dibattito la professoressa Graziottin illustra:
- come la depressione, favorita da una vulnerabilità genetica, possa essere scatenata dal parto e poi consolidata da una serie di fattori di mantenimento, come l’anemia, l’incontinenza, il dolore ai rapporti e la crisi di coppia conseguente alla mancanza di intimità;
- da cosa possono essere causate, a loro volta, l’incontinenza e la dispareunia post parto;
- quante donne, dopo il parto, soffrono di dolore ai rapporti e della conseguente perdita del desiderio;
- perché è utilissimo misurare il livello di ferro nel sangue, e integrarlo qualora sia insufficiente;
- tre armi efficaci contro il perdurare della depressione: l’aiuto farmacologico, il movimento fisico quotidiano, la scelta di un’attività che permetta alla donna, al di là degli impegni del puerperio, di avere un po’ di tempo tutto per sé;
- a quali dosi gli antidepressivi non interferiscono con l’allattamento;
- come in Francia a tutte le puerpere venga offerta, dal servizio sanitario nazionale, un’accurata riabilitazione del pavimento pelvico, in modo da curare l’eventuale incontinenza e prevenire il dolore ai rapporti.
La dottoressa Micheletti, inoltre, spiega:
- perché il dolore psicologico va riconosciuto, rispettato e curato, come qualsiasi altra forma di disagio fisico;
- un modo efficace per visualizzare il livello di ansia e capire quando è bene combatterla con un aiuto farmacologico;
- come, in caso di depressione prolungata, sia indispensabile indagare tutti i fattori che possono concorrere ad alimentarla.

Quinta parte del dibattito trasmesso il 27 gennaio 2014 da “Buongiorno dottore”, programma di Class TV MsNbc, presentato da Christian Toscano.
Partecipanti:
Alessandra Graziottin – Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, Ospedale San Raffaele Resnati di Milano;
Chiara Micheletti – Psicologa e Psicoterapeuta, Ospedale San Raffaele Resnati di Milano.

Per gentile concessione di Class Tv MsNbc

top

Parole chiave:
Allattamento - Anemia - Ansia - Antidepressivi - Depressione post parto - Dispareunia - Disturbi del desiderio - Dolore ai rapporti - Puerperio - Relazione di coppia - Sport e movimento fisico

Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Video Stream