Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

09/06/2017

Una menopausa devastante


Le vostre lettere alla nostra redazione


Ho 52 anni. Il ciclo comincia a saltare. Questo ultimo anno ho avuto due mestruazioni, praticamente una ogni sei mesi. Mi sento sempre affaticata e stanca. L'umore è fluttuante. Mi pesano anche le più piccole azioni. Mi commuovo facilmente e piango. Spesso sono triste, depressa. Mi impongo di fare le cose, ma tra un servizio e l’altro devo riposarmi. Mi sento spenta. Ho difficoltà al lavoro a causa della scarsa concentrazione, spesso ho la sensazione di avere la testa vuota. Alle 20.30 sono già a letto, come se fosse mezzanotte. Sono sempre stata sportiva, oggi non ce la faccio a fare attività. Mentre gioco a tennis, devo fermarmi e recuperare ogni dieci minuti. Tutto questa carenza di energia mi rattrista. Un circolo vizioso.

top

Risponde la professoressa Graziottin

Gentile amica, le sue drammatiche parole descrivono meglio di tanti articoli i sintomi che molte donne provano quando entrano in menopausa. Non si arrenda alla tempesta di un climaterio così devastante. Le cure, ormonali e non, ci sono, e sono efficaci. Eventualmente ci riscriva: risponderemo con piacere ai suoi dubbi e alle sue domande. Un caro saluto, con l’augurio di stare presto di nuovo bene.
Alessandra Graziottin

top

Parole chiave:
Astenia - Depressione - Fatigue - Menopausa - Mestruazioni - Sintomi menopausali - Stanchezza cronica

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico