EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

The effect of endometriosis on in vitro fertilisation outcome: a systematic review and meta-analysis

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
18/07/2013

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Harb H, Gallos I, Chu J, Harb M, Coomarasamy A.
The effect of endometriosis on in vitro fertilisation outcome: a systematic review and meta-analysis
BJOG. 2013 Jul 3. doi: 10.1111/1471-0528.12366. [Epub ahead of print]
Studiare gli effetti dell’endometriosi sugli esiti della fecondazione in vitro: è questo l’obiettivo della ricerca condotta da H. Harb e collaboratori, della School of Clinical and Experimental Medicine presso l’Università di Birmingham (Regno Unito), e della Birmingham Women’s Hospital Foundation Trust. E’ noto infatti che l’endometriosi può provocare infertilità, ma non è chiaro se le donne colpite da endometriosi abbiano anche una maggiore probabilità di eventi avversi in caso di riproduzione assistita.
La ricerca è stata condotta su Medline, Embase, Cochrane Library e Web of Science, in tutte le lingue, e su specifiche liste di referenze bibliografiche. I lavori presi in considerazione raffrontano l’esito della fecondazione in vitro (FIVET: Fertilizzazione In Vitro con Embryo Transfer) in donne con endometriosi e donne sane. Le pazienti sono classificate in base allo stadio dell’endometriosi:
- stadio I (endometriosi minima): presenza di impianti isolati; assenza di aderenze significative;
- stadio II (lieve): presenza di impianti superficiali (per un’estensione totale inferiore a 5 centimetri), sparsi su ovaie e peritoneo; assenza di aderenze significative;
- stadio III (moderata): presenza di impianti multipli, sia superficiali che infiltranti; presenza di aderenze periannessiali;
- stadio IV (grave): presenza di impianti multipli, sia superficiali che profondi, inclusi endometriomi; presenza di spesse aderenze.
Gli esiti della FIVET presi in considerazione sono:
- la fecondazione;
- l’impianto;
- la gravidanza;
- il tasso di nati vivi.
La selezione degli studi è stata condotta da due reviewer indipendenti e la loro qualità è stata valutata con la Newcastle-Ottawa Quality Assessment Scale, specificamente sviluppata per la meta-analisi di studi non randomizzati.
Sono stati presi in considerazione 27 studi osservazionali, per un totale di 8984 donne. La meta-analisi indica che:
- negli stadi I e II della malattia risulta ridotto il tasso di fecondazione (rischio relativo [RR] = 0.93, 95% CI; 0.87-0.99, P = 0.03);
- negli stadi III e IV si registra anche una riduzione del tasso di impianto (RR = 0.79, 95% CI; 0.67-0.93, P = 0.006) e del tasso di gravidanza (RR = 0.79, 95% CI; 0.69-0.91, P = 0.0008).
Secondo lo studio, dunque, l’endometriosi sembra determinare una maggiore probabilità di eventi avversi in caso di riproduzione assistita, con una riduzione dei successi dell’ordine del 21%, in termini di impianto e gravidanza. L’infiammazione tissutale associata all’endometriosi è considerata l’etiologia più probabile della ridotta fertilità.
Al di là delle ulteriori verifiche che certamente si renderanno necessarie, i risultati confermano l’importanza di salvaguardare la fertilità della donna sin dagli esordi della malattia, avviando al più presto una gestazione naturale, quando possibile dal punto di vista affettivo ed esistenziale, o mettendo temporaneamente a riposo l’ovaio con opportune terapie ormonali o GnRH-analoghi, o ancora ricorrendo alla crioconservazione degli ovociti o degli embrioni se la gravidanza non sia immediatamente possibile.
E’ importante comunque spiegare accuratamente alla donna e alla coppia quanto l’infiammazione associata all’endometriosi riduca la fertilità e come il tempo sia un fattore ulteriormente critico nel ridurre poi le possibilità concrete di gravidanza con un bambino in braccio.
Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter