EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Morbo di Parkinson: i disturbi urinari predicono la progressione della malattia

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
06/07/2017

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Picillo M, Palladino R, Barone P, Erro R, Colosimo C, Marconi R, Morgante L, Antonini A; PRIAMO Study Group.
The PRIAMO study: urinary dysfunction as a marker of disease progression in early Parkinson's disease
Eur J Neurol. 2017 Jun; 24 (6): 788-795. doi: 10.1111/ene.13290. Epub 2017 Apr 20.
Accertare se i disturbi urinari possano essere considerati un marker precoce di comparsa e aggravamento dei sintomi non motori del morbo di Parkinson: è questo l’obiettivo dello studio prospettico longitudinale coordinato da M. Picillo ed espressione delle Università di Salerno, Napoli (Federico II), Verona, Terni, Messina, Venezia e Padova, oltre che dell’Ospedale della Misericordia di Grosseto e dell’Imperial College di Londra.
Il studio è durato 24 mesi ed è stato condotto su un gruppo di 585 pazienti selezionati dal progetto Priamo. Dall’analisi statistica dei dati è emerso che i disturbi urinari correlano con i seguenti disturbi non motori del Parkinson:
- disturbi gastrointestinali (OR 2.57, 95% CI, 1.67-3.97, P < 0.001);
- patologie cardiovascolari (OR 2.22, 95% CI 1.18-4.17, P = 0.013);
- problemi dermatologici (OR 1.81, 95% CI 1.06-3.08, P = 0.029);
- disturbi del sonno (OR 2.06, 95% CI 1.34-3.16, P = 0.001);
- dolore (OR 1.85, 95% CI 1.21-2.83, P = 0.004);
- stanchezza cronica (OR 2.40, 95% CI 1.56-3.68, P < 0.001);
- apatia (OR 2.79, 95% CI 1.72-4.52, P < 0.001);
- problemi respiratori (OR 1.82, 95% CI 1.02-3.23, P = 0.039).
Lo studio ha inoltre dimostrato che le disfunzioni urinarie sono associate a una più grave disabilità motoria e a una più bassa qualità di vita, ma non a più severi disturbi cognitivi.
Questi risultati possono orientare la diagnosi e la terapia precoce dei sintomi non motori correlati al morbo di Parkinson.
Parole chiave di questo articolo
Sullo stesso argomento per professionisti

Flash dalla ricerca medica internazionale

Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter